Carote marinate alla coreana

La cucina coreana ha molte ricette, eccellenti, di verdure e ortaggi sotto aceto o marinati. Una di queste, in particolare, è quella delle carote marinate, tagliate a strisce sottili e insaporite con spezie diverse e in primo luogo il coriandolo macinato finemente. Le carote marinate sono un ottimo accompagnamento per piatti di carne o di pesce e ugualmente completano perfettamente qualsiasi insalata o antipasto.

Ingredienti per le carote marinate alla coreana

    • Carote: 1 kg.
    • Aglio: 3-4 spicchi
    • Coriandolo macinato: 1 cucchiaio
    • Pepe macinato, miscela diversi tipi: a piacere
    • Origano, maggiorana, curry: mezzo cucchiaino per tipo
    • Olio d’oliva extravergine: 100 ml
    • Aceto balsamico o normale: a piacere
    • Sale: 1 cucchiaino
    • Zucchero semolato: 1 cucchiaino
    • Cipolla: 1

Ingredienti per le Carote marinate alla coreana

Preparazione delle carote marinate alla coreana

    1. Per prima cosa, preparare l’olio profumato: sminuzzare finemente la cipolla e soffriggere in olio fino a doratura, quindi, spegnere il fuoco e lasciar riposare 20 minuti, poi, filtrare l’olio con un colino fine e gettare il residuo della cipolla, aggiungere gli spicchi d’aglio spremuti con lo spremiaglio e mescolare bene;

Olio profumato con aglio spremuto

    1. lavare le carote e raschiarne la pelle, quindi, grattugiarle con la grattugia rotante, per ortaggi, con la trafila piccola (non quella piccolissima);

grattugiare le carote

    1. cospargere tutte le spezie sulle carote, aggiungere l’olio profumato e con le mani mescolare bene e lungamente le carote, fino a quando queste avranno emesso abbastanza succo;
    2. assaggiare e correggere, eventualmente, aceto, sale e zucchero;
    3. lasciare fermentare 2-3 ore, quindi, potranno essere utilizzate, o si possono conservare in barattolo di vetro, chiuso, coperte con il loro succo, in frigorifero al massimo per 3-4 settimane.

Carote marinate alla coreana

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *