Semi di albicocca contro i tumori

nocciolo albicoccaNel mese di giugno 2004 Jason Vale ha avuto 5 anni e 3 mesi di prigione perchè ha pubblicizzato e venduto una cura anticancro a base di Laetrile, ottenuta dai semi di albicocca, questo gli era stato vietato ufficialmente nell’anno 2000. La Laetrile è meglio conosciuta col nome di (Amigdalina, vitamina B17). Il divieto è stato motivato, dal Dr. Lester M. Crawford commissario dell’SDA, il quale ha dichiarato che non esisteva alcuna certezza scientifica che la Laetrile potesse curare il cancro, ma sarebbe stato solo dare false speranze agli ammalati. In base a studi e ricerche sulle proprietà terapeutiche della vitamina B17, documentati e pubblicati nel libro “World Without Cancer” di Edward Griffin e del Dr. Krebs (che ha scoperto la vitamina B17, presente in minor quantità, anche nei semi di ciliegie, mele, pesche, uva, ), sostengono che il consumo giornaliero di 7 mandorle di albicocche preserva per tutta la vita dallo sviluppo di cellule cancerogene. In merito a ciò l’opinione pubblica ed esperti ritengono che Jason Vale, (che ha sperimentato su stesso tale cura, ottenendo la guarigione dal cancro e, su altre persone, con il medesimo risultato), sia vittima dello strapotere dell’Establishment medico e dell’Industria Farmaceutica che non avrebbero introiti da un prodotto naturale senza brevetto, acquistabile in qualsiasi negozio.

Pubblichiamo qui ulteriori notizie:

Il prof. Ettore Guidetti, del “Università degli studi di medicina di Torino”, partecipando alla conferenza della “Comunità Internazionale contro il cancro” che ebbe luogo in Brasile nel 1954, dimostrò i risultati ottenuti con l’applicazione di Laetrile su pazienti affetti da cancro ricoverati presso la sua clinica. Egli dimostrò come la Laetrile aveva contribuito alla guarigione da molte forme di tumore e, tra questi: tumori al collo, retto, utero, mammella. “In molti casi”, ha detto, “abbiamo osservato i gruppi di tumori che si sono risolti rapidamente”. Egli ha esposto, inoltre, che dopo l’applicazione del trattamento, con Laetrile, su pazienti affetti da cancro progressivo ai polmoni, si è potuto constatare, con l’aiuto dei raggi X, il regresso della formazione delle metastasi. Dopo l’intervento del prof. Guidetti un medico americano, intervenne e, dichiarò che la Laetrile fu valutata negli Stati Uniti e riconosciuti infondati i benefici ottenibili nel trattamento delle malattie oncologiche. Il prof.Guidetti replicò affermando che egli non aveva alcun interesse in merito a quanto riconosciuto negli Stati Uniti ma, “Vi ho semplicemente esposto e relazionato i risultati da me ottenuti nella mia clinica”. (Cancer Of news Of journal, January/April 1971, s. 19).

Nota a margine: In Australia e in Messico la Laetrile è legale e può essere acquistata liberamente. In Italia, fin dai secoli scorsi, con i semi di albicocche o altri frutti viene prodotto l’ottimo liquore “Amaretto”. La vita e l’esperienza insegnano che tutto può essere una medicina e tutto può essere un veleno, dipende dall’utilizzo e dalle quantità ingerite.
iadra.jpg

Semi di albicocca

78 replies
  1. Alfredo & Elena
    Alfredo & Elena says:

    Ciao Giorgia. Abbiamo letto la tua testimonianza, nel sito, auguriamo con tutto il cuore a Pietro di vincere la sua/vostra battaglia. Hai una bellissima famiglia. Se vuoi possiamo scambiarci i link e metterli nei nostri siti. Un saluto affettuoso. Alfredo & Elena.

  2. Giorgia Testa
    Giorgia Testa says:

    Ciao a tutti. Questo è il nuovo sito, dove troverete di tutto e di più sui semi di albicocca… e altro. Ciao

  3. Alfredo & Elena
    Alfredo & Elena says:

    Ciao Giorgia, scusa il ritardo ma con le ferie d’agosto siamo stati indaffarati. Ti ringraziamo per quanto ci hai scritto. Un abbraccio da Alfredo & Elena

  4. Silvio
    Silvio says:

    Se è stata vietata la cura del cancro con la vitB17 significa che funziona sul serio…

  5. ale
    ale says:

    io è da settembre che ne mangio una dozzina al giorno e sono ancora vivo..ho iniziato con 2 poi ho aumentato piano piano..l’unico problema ho notato che ogni volta che aumento mi si gonfiano in maniera impercettibile le ghiandole dietro il collo…sarà per l’aumento della dose di cianuro…

  6. giorgia
    giorgia says:

    ciao… io prendo i semi da tempo, per prevenzione 15 al giorno, e mio marito prende il concentrato di amigdalina. Noi non abbiamo mai avuto effetti indesiderati di alcun tipo… Ho notato che tutti i nei arrossati sono diventati nerissimi, e molto pioccoli. Quelli di carne sporgenti, sono seccati e caduti… Bacioni!

  7. BIANCO GIOVANNI
    BIANCO GIOVANNI says:

    ciao a tutti mi chiamo giovanni volevo sapere se qualcuno ha testimonianze di persone malate che hanno usato la B17 e hanno riscontrato dei risultati

  8. marianna
    marianna says:

    Io sapevo che i semi di albicocca sono velenosi?

  9. Alfredo & Elena
    Alfredo & Elena says:

    Ciao Marianna, anche io anni fa ho assistito a una trasmissione in tv nella quale un medico affermava che i semi di albicocca erano velenosi in quanto contenevano acido prussico. La presenza di questo acido è vera ma, la quantità è talmente irrisoria che non provoca alcun danno anzi, i semi di albicocca, come hai letto nell’articolo sono una vera medicina per la salute. Del resto tutti i farmaci sono veleni, infatti il termine farmaco deriva dal greco “farmacos” che significa appunto, veleno. Io e mia moglie dovremmo essere già defunti fin dall’infanzia, perchè abbiamo sempre mangiato i semi di albicocca come le mandorle. Un saluto cordiale Alfredo & Elena.

  10. massimo
    massimo says:

    ho letto il vs. articolo e lo trovo interessantissimo, volevo pero’ capire meglio come vanni presi i semi di albicocca. vanno triturati e ingeriti o mangiati diciamo a morsi? grazie

  11. Alfredo & Elena
    Alfredo & Elena says:

    Ciao Massimo, i semi di albicocca si mangiano come si mangiano le mandorle. E con i semi di albicocca si può anche preparare il liquore amaretto, se guardi nel sito c’è la preparazione dell’amaretto solo che quella volta l’abbiamo preparato con i semi di prugne, ma il procedimento è lo stesso. Ti salutiamo con cordialità, Alfredo & Elena

  12. Fabio
    Fabio says:

    Anch’io ho sempre mangiato, fin da bambino, i semi di albicocca senza avere mai avuto alcun effetto collaterale.

    Beati coloro che vivono a contatto con la natura e poveracci coloro che vivono vicino ai veleni prodotti dall’uomo cosidetto civile.

    Salute a tutti
    Fabio.

  13. Leo
    Leo says:

    Ciao, volevo sapere se la presenza di vitamina B17 è assicurata anche nei semini dolci di albicocca, dal momento che si fa sempre riferimento a quelli amari (che in realtà sono pochissimi rispetto a quelli “normali”).

  14. Alfredo & Elena
    Alfredo & Elena says:

    Certamente! La vitamina B17 (amigdalina) è presente nei semi di albicocca, siano essi dolci, o amari. Se dolci è più piacevole magiarne.
    Ciao, Alfredo & Elena

  15. Quarchedundepegi
    Quarchedundepegi says:

    Sono arrivato per puro caso a voi. Bello quello che avete scritto e belli anche i commenti. So di un conoscente che, con un carcinoma al collo (probabilmente la parotide – non ne sono però sicuro) mangia da tempo semi di albicocca. Sta bene. Il tumore non è debellato ma sta bene. Sicuramente oggi sarebbe o defunto o sotto le “grinfie” della chemioterapia.
    Complimenti.
    Dove si possono comperare i semi di albicocche?

  16. Ilja
    Ilja says:

    Ciao, se ho capito bene si prende il nocciolo dell’albicocca, si spacca e si mangia il seme cosi com’è, senza arrostire?

  17. Serena
    Serena says:

    Ciao,è la prima volta che sento di questi semi di albicocche e mi è parso di capire chew non è proprio facilissimo trovarli nei negozzi, perciò vi chiederei cortesemente di spiegarmi esattamente come conservare i noccioli e come ricavarne i semi…
    Grazie infinite…
    E complimenti per il sito!
    Sere

  18. Alfredo & Elena
    Alfredo & Elena says:

    Si Ilja, il seme va mangiato fresco così come viene fuori dal guscio non allarmarti se qualcuno ha un sapore amarognolo, perchè dipende dalla varietà dell’albicocca.
    Ciao, Alfredo & Elena.

  19. Alfredo & Elena
    Alfredo & Elena says:

    Ciao Serena, come ho già risposto in precedenza ti ripeto: la soluzione è acquistare le albicocche e conservare i noccioli da cui ricavare i semi. Per la conservazione, questa è identica a come si conservano noci, mandorle, ecc. Ti salutiamo con cordialità Alfredo & Elena.

  20. Ilja
    Ilja says:

    Gentili Alfredo & Elena

    ancora due domande,siccome era elencato, l’ Amaretto liquore, contiene la vitamina B17 e i noccioli di prugne?

    Grazie veramente Ilja

  21. Alfredo & Elena
    Alfredo & Elena says:

    Si, esatto, gentile Ilja, perchè anche i noccioli (semi) di prugne contengono la vitamina B17 (amigdalina), anche se in proporzioni inferiori ai semi di albicocche. Cordiali saluti, Alfredo & Elena

  22. ernesto
    ernesto says:

    Qualcuno mi sa dire ,ho un micio di 4 kg,che ha un tumore,quanti noccioli di albicocca devo dargli?
    vi ringrazio.
    ernesto.

  23. purr
    purr says:

    Anche io conosco una persona che aveva una grave patologia che ha debellato mangiando i semi di albicocca. Non ho la certezza che siano stati i semi a guarirlo, ma in ogni caso è quantomeno una curiosa coincidenza…
    Penso che per il micio fatte le debite proporzioni possa bastare mezza mandorla al giorno, magari sbriciolata e mescolata a un bocconcino di carne.

  24. purr
    purr says:

    Volevo segnalare che qui sul vostro sito ho trovato un link, tra gli annunci pubblicitari, che porta alla proposta di vendita del famigerato fangocur drink minerale, integratore alimentare “naturale” contro l’alitosi a base di argilla (e di molte altre sostanze…”interessanti”). Attenzione: tale integratore è stato segnalato dal Ministero del Welfare perchè pericoloso in quanto contenente elevati livelli di elementi altamente tossici… Provate a digitare “fangocur drink minerale” su Google…

  25. Irene
    Irene says:

    Mia madre ha il tumore ai polmoni-la fase iniziale, ho sentito che in Messico si vende la vitamina b17 in pasticche,qualcuno sa dirmi di preciso dove la posso acquistare si come dovrei partire in Messico il 7 di Marzo. Il mio contatto e-mail gescan123@gmail.com. Grazie per aiuto

  26. Alfredo & Elena
    Alfredo & Elena says:

    Devi chiedere in qualche farmacia messicana se hanno la vitamina B17 o amigdalina oppure chiedere a qualche medico del luogo. Ciao, Alfredo & Elena.

  27. tina
    tina says:

    Ciao ! Anche io ho trovato questa interessante notizia da poco. Sapevo però che i semi da mengiare erano quelli di albicocce selvatiche ( che ci sono in oriente ) + piccole ed amare delle nostre “nostrane” . E vero ? Ho visto che la ditta Rapunzel aveva mandorle di A. ma non li trovo. Tolti dal comercio ? Sul internet avevo pure trovato un elenco su alimenti di qui basare la propria dieta perchè ricchi di vitamina b17 ; germogli di ogni tipo , miglio , rejuvelac …e poi non mi ricordo piu !! Chi sa qualcosa ?
    Baci ! ps. anche io sto ” combattendo” un piccolo tumore benigno ma assai tenace e fastidioso . Non reagice granche con la radioterapia fatta e volevo provare a “dare una botta” con la b 17 . Tanto per vedere se succede qualcosa;)

  28. maurizio
    maurizio says:

    ciao io probuco per me stesso il liquore con le mandorle di albicocche volevo sapere se con un consumo minimo di quello ci sono anche i benefici di questa vitamina

  29. Luisa
    Luisa says:

    Ciao, io ho saputo dei semi di albicocca circa un mese fa… siccome ho mio padre che ha un tumore al polmone (ha gia fatto la kemioterapia e la radioterapia), ma il tumore cresce sempre, ho comprato i semi di albicocca (in un erboristeria) ne sta prendendo da circa una settimana tre al giorno… sono pochi??? quanti dovrebbe prenderne???? si possono prendere anche associati alla kemio? grazie.

  30. rosa
    rosa says:

    vorrei sapere cosa cè di vero in tutto questo che sto leggendo sui semi di albicoche se e vero xkè i medici non la consigliano? grazie aspetto una risposta

  31. rosa
    rosa says:

    ciao a tutti, ma! se e vero quello che e scritto xkè i medici non lo consigliano?

  32. artika
    artika says:

    Rosa, i medici sono istruiti da scuole di medicina, riviste e pubblicazioni gestite dalle case farmaceutiche. Diciamo che crescono col lavaggio del cervello

  33. Gabriele
    Gabriele says:

    Fantastici! Via ammiro, avevo già saputo della B17 e infatti ho iniziato a mangiare anche le mandorle di albicocca oltre alle stesse albicocche, ma proprio oggi ho voluto fare una nuova ricerca su google e sono arrivato qui…
    Rispondo a Rosa ora e a tutti coloro che hanno un po’ le idee confuse, e vi rispondo consigliandovi di guardare questo illuminante documento di Massimo Mazzucco
    “Cancro, le cure proibite”,
    è un film-doc cercalo su youtube oppure guardalo su questo link http://www.megavideo.com/?v=9D0W9M78 (clicca sul pulsante verde al centro)
    Ciao a tutti e evviva la natura.

  34. cupi
    cupi says:

    ma questi semi di albicocca si possono prendere anche per un cancro allo stomaco ed dopo avere fatto la chemioterapia? e quanti semi al giorno? garzie

  35. Chiara
    Chiara says:

    complimenti davvero per il vostro sito
    ho trovato argomenti e suggerimenti interessantissimi 🙂

  36. giovanna
    giovanna says:

    Ho un pastore tedesco di 16 anni con un presunto male ai polmoni.Non faro’ niente di invasivo,nemmeno accertamenti che comporterebbero anestesia.Afra ha iniziato una cura omeopatica che principalmente disintossica e drena l’organismo(elimina tossine).ho comprato i semi di albicocca,volevo darglieli ma ho paura tutte le volte che leggo i siti a sfavore.Ho paura della tossicita’del prodotto e che mi vada in contrasto con la cura omeopatica.Il mio omeopata mi ha detto di provare(gli ho parlato io della B17),ma dubito ancora e penso che un cane di 16 anni e’appetibile per i processi sperimentali dei medici.
    Inoltre..che dosi su un cane di 25kg affinche’ siano benefiche e non eccessive?grazie

  37. Mariaelena
    Mariaelena says:

    Ciao Giovanna, provo a risponderti anche se non parlo benissimo l’italiano. Per quanto ho letto io nei siti americani, quello che ho capito io di questi semi e’ che il corpo (almeno quello umano) non subisce niente dal ‘veleno’ di questi semi. Questo ‘veleno’ inizia a lavorare solamente in presenza di cellule di tumori. Comunque, anche io ho sempre letto, come nell’articolo di questa pagina, che uno deve iniziare lentamente. Spero vada tutto bene!!!

  38. roberto
    roberto says:

    volevo chiedere a chiunque mi dia una risposta certa e vi sono grato. una donna anziana con adenocarcinoma al colon non operabile aderito al pancreas puo avere beneficio consumando semi di albicocca ? o avra problemi ?

  39. rosanna
    rosanna says:

    Ciao a tutti e grazie per avermi ridato speranza. A mia mamma e’ stato diagnosticato un tumore al polmone, sto gia’ usando l’aloe arborescens ma vorrei utilizzare anche quest’altro metodo naturale dei semi di albicocche. Siamo pero’ in inverno e non so dove poter trovare semi di albicocche o vitamina b17, vi prego di darmi notizie su come reperire questi prodotti. Grazie di cuore

  40. Alfredo & Elena
    Alfredo & Elena says:

    In inverno non sapremmo dove indicarti ma, prova a chiedere in qualche erboristeria. Poi sappi che i semi di albicocca vengono utilizzati per la produzione del liquore amaretto di Saronno, quindi, non sappiamo dove abiti, ma potresti provare a prendere contatto con qualche produttore di liquori e, in particolare amaretto. Ricevi i nostri auguri, per tutto e cordiali saluti, Alfredo e Lena.

  41. roberto
    roberto says:

    mi risulta che la b17 sia contenuta anche nelle mandorle amare e ne basta una al giorno?
    conoscete il nome di qualche medito in lombardia che segue la somministrazione della b 17? Grazie Roberto

  42. Cinzia Bianchi
    Cinzia Bianchi says:

    Gli Hunza, un popolo tra i piu’ longevi del pianeta, sono grandi consumatori di semi di albicocca. A scopo terapeutico fanno bene anche i semi di mela, pera, etc.
    Non viene pubblicizzato perche’ sono alimenti a costo 0 o quasi……

  43. Rossella
    Rossella says:

    Voglio ricordare che nel periodo invernale vanno bene anche i semi di mela. Io mangio la mela con anche i semini. La dose deve essere comunque raddoppiata perchè la vitamina b17 è in quantità inferiore.
    I medici non ne parlano perchè loro vivono solo se la gente continua a stare male e non se guarisce.

  44. achille
    achille says:

    http://www.burdi.com

    prodotti armelline (semi albicocche), il sito non si naviga benissimo, almeno con chrome, ma hanno mandorle e semi di albicocche

  45. achille
    achille says:

    consiglio anche una ricerca attenta di tutti i trial umani sul gcmaf ormai vecchi di 10anni senza che nessuno muova un dito.io il gcmaf lo faccio per un altra patologia diversa dal cancro da circa un anno.per lo meno il gcmaf ha dietro studi e trial umani piu che verificati dopo oltre 10anni dalla terapia, i trial hanno avuto 100% di guarigione…..li trovate su pubmed o sulle riviste scientifiche

    http://www.gcmaf.eu

  46. achille
    achille says:

    http://www.vitaminb17.org

    http://www.vitaminb17.org/foods.htm
    da questa lista salta fuori che i semi di mela ne hanno piu dei semi di albicocca e che tutti i frutti contengono vitamina b17 specialmente quelli coi semi tipo uva, frutti di bosco, melograno tutti frutti che poi la ricerca da come anticancro o preventivi…ma guarda che coincidenze

  47. eleonora
    eleonora says:

    buongiorno,
    mio marito è stato operato di carcinoma prostatico.
    qualcuno ha provato l’efficacia dei semi di albicocca per detto problema? se qualcuno li ha assunti per un motivo simile sa indicarmi anche la qualtità giornaliera? Grazie

  48. roberto s
    roberto s says:

    Ma finiamola di prendere in giro le persone, con tutte queste teorie complottistiche sulle case farmaceutiche e soprattutto con queste fantomatiche cure naturali.
    Le mandorle amare sono velenose ed in un organismo malato possono essere letali in grosse quantiotà.
    La maggior parte delle persone che dice di essere “guarita” mangiando mandorle seguiva sempre una latra terapia tradizionale in genere chemioterapica.
    Non siamo nel far west o peggio ancora nel medioevo dove spunta il ciarlatano di turno con la sua bottiglietta portentosa in grado di guarire tutti i mali svegliatevi un pochino visto che gli unici che ci guadagnano sono le varie ditte messicane, indiane che vendono queste sostanze online.
    Capisco che chiunque debba scegliere come curarsi ma su internet si trovano rimedi molto spesso casarecci, che vanno dall’assurdo al ridicolo.

  49. gianni demircan
    gianni demircan says:

    siamo una fabrica in Turchia che vendiamo semi di albicocca e olio semi di albicocca.per tutti gli informazione
    e mail:giannidemircan@hotmail.com
    tel : 0090 542 5883808

  50. rodica makovalı
    rodica makovalı says:

    La ditta ha sede a Malatya-Turchia si occupa della vendita di frutta secca,semi di albiccoca,olio semi di albiccoca.L’esperienza di tanti anni passati”sul campo” ci permete di dare risposte chiare e concrete a tutte le richieste in tempi bravi ed a prezzi competitivi.
    Per tutti gli informazione
    tel:0090 5387692770
    wwwcekacekirdek.com
    radica.makovali@cekacekirdek.com.

  51. Edrik
    Edrik says:

    Dubbi e speranze
    Ho un amico molto malato, non è più in grado di fare ricerche spostarsi di casa ecc…
    Ha seguito chemio e radio, ed è sempre peggiorato, adesso, io più che lui sto cercando una speranza…lui lo sa che sta per morire.
    Adesso faccio un’analisi da pazzoide naturista o da allopata fallito a beneficio di chi critica e non sperimenta.
    Le vie “Alternative” passano dall’uso di bicarbonato in massicce dosi e un litro e mezzo di soluzione al giorno per la teoria fungina sui tumori….pazzesco! Costoso?no Irrealizzabile?no
    C’è la teoria antiossidante che coinvolge vitaminaC e verdure tipo Griviola e VERDURE NON TRATTATE cioè non contaminate alla base da terreni inquinati, pesticidi ecc…
    Costoso…con quello che costa la verdura?!?!? irrealizzabile?NO!
    E c’è la teoria della vitamina B17 amigdalina, o meglio una parte di essa, ovvero un ciano-derivato inattivo che in presenza di cellule “strane” rilascia una parte tossica che le uccide..
    Irrealizzabile?No e il costo scusate ma vien via al prezzo delle noccioline!
    Adesso se anche per un effetto placebo il mio amico durasse una mezza giornata in più, e magari per una falsa speranza si sentisse magari allegro, no, solo sereno, non varrebbe la pena tentare almeno ?
    magari integrando i vari metodi, perché queste cure SI INTEGRANO DA SOLE NATURALMENTE! combattere l’acidità crea ambiente sfavorevole per i tumori e favorevoli per gli anti ossidanti, è chimica! l’anello mancante e quello che dà speranza è proprio l’idea di poterlo aggredire il tumore ed ecco la b17!
    La chemio bhò è una bomba chimica da quel che ho capito, cerca di ammazzare il cancro prima di uccidere il corpo che lo ospita, lo posso capire per alcune forme infettive o virali come la rogna, ma qui è palese che indebolendo e distruggendo un sistema immunitario si danno sempre maggiori speranze al tumore più che alla persona…in fatti quant’è la recidiva qui?
    Comunque, no non penso che i medici complottino qualcosa o che siano in malafede loro applicano al meglio le linee guida del ministero ch e applica alla lettera i “suggerimenti” delle case farmaceutiche.
    Ricordatevi Di Bella ogni tanto, prima di difendere lo stato attuale delle cose, non credo fosse proprio un pazzo naturista o un allopata fallito.
    Scusate lo sfogo.

  52. marco
    marco says:

    se qualcuno è ancora cosi sprovveduto da pensare che le case farmaceutiche siano dei benefattori che studiano come curare le persone malate….

    truffa peste suina
    truffa approvazione truvada, chemioterapico con casi di morte e altissima tossicita, autorizzato per l uso su persone sane come prevenzione…il folle studio?usato col profilatico ha mostrato di prevenire contagio hiv nel 40% circa dei casi…usato col profilattico…il farmaco costa un po meno di un migliaio di euro al mese, non cural hiv e puo uccidere tanto è tossico, vedere il bugiardino

  53. marco
    marco says:

    siamo arrivando ad autorizzare l uso di chemioterapici su persone sane!
    ma che affidabilita puo avere l FDA americana e nostri servizi sanitari che seguono a ruota quei folli

  54. marco
    marco says:

    saisei mirai clinics giappone

    gcmaf

    gcmaf.eu
    gcmaf.de
    gcmaf.nl

    basta che mettiate gcmaf nacer su google e trovate centri di ricerca e cliniche che lo usano in quasi tutti i paesi avanzati

  55. Sergio
    Sergio says:

    Salve, ho letto con interesse il vostro articolo e i numerosi commenti, positivi e non, non credo che una cura naturale possa essere “censurata”, specie se la sua “nocività” viene messa a confronto con quella di talune terapie e dei farmaci. Quindi perchè accanirsi contro con tanta decisione. Io quello che volevo sapere è se nei casi di animali malati, ne ho letto un paio, un micio e un cane di 16 anni mi pare, ci sono stati miglioramenti o comunque dei risultati, e quale è stato il parere dei veterinari, anche per via della somministrazione. Grazie e auguri a tutti quelli che hanno parlato delle loro sofferenze.

  56. efisio
    efisio says:

    salve vorrei sapere quante mandorle amare bisogna mangiare al giorno per prevenire i tumori visto che contengono grande quantità di vittamina B17 rispondetemi grazie

  57. Alfredo & Elena
    Alfredo & Elena says:

    E’ sufficiente consumarne 5-6 al giorno, comunque non tutti sono amari, ci sono anche quelli dolci, dipende dalla qualità.

  58. RAFF
    RAFF says:

    ciao a tutti. ho letto di qualcuno che voleva usare la B17 per curare il tumore ai polmoni. Lo ha fatto? e come è andata? grazie x le risposte che darete.

  59. nabq
    nabq says:

    salve a tutti

    ma cè chi mangia effettivamente 5-6 semi di albicocca e non ha subito conseguenze ?
    se si, da quanto tempo continuativamente ?
    grazie, è importante

  60. Giovanni
    Giovanni says:

    Salve, io sono un ricercatore nel settore chimico-farmaceutico, posso dire che solo un pazzo si metterebbe contro le multinazionali del farmaco, quindi se qualcuno da contro ad a qualsiasi casa farmaceutica si aspetti di essere come minimo radiato, perseguitato ed anche denunciato penalmente. Ora il discorso dei principi attivi, contenuti in tutte le specie vegetali è antico come il mondo, si sappi che dall’inizio de secolo e anche prima, si ricavano medicine da molte specie vegetali, sia dalle radici, fusti, foglie, fiori, frutti e sementi. Non è ceto una novità che dalle piante si ricavano le medicine, ancicamente l’umanità si è nutrita a fasi alterne di ogni specie vegetale e animale, per cui, anche i semi erano nelle dieta dell’umanità da sempre, ora la società moderna è solo propensa a guadagnare obbligando il cittadini a rifornirsi da chi commercia prodotti di qualsiasi natura, e il commercio è direttamente controllato dagli stati stessi, che non vogliono che la gente si curi autonomamente, ma che segua obbligatoriamente degli standard imposti anche con la forza. Le multinazionali seguono lo stesso iter, di modo che ogni principio attivo contenuto nei vegetali dovrebbe essere messo al bando seguendo le lienee giuda di costoro. La graviola per esempio, fu celata per decenni prima che fosse rilasciata qualche dichiarazione sulle sue capacità anti cancro, poi smntite a più riprese, così avviene per moltissime altre spcie chimiche naturali, quando non c’è l’interesse di aiutare la popolazione, ma di controllarne la sua espansione, si arriva anche a questi risvolti, un controllo delle masse mediante, l’alimentazione, al fine ultimo non solo di arrichire le stesse multinazionali, ma anche quello di aumetare il numero di malati di certe patologie e come fine ultimo di decimare la popolazione. E’ indubbio che nel mondo la poplazione è troppa. Ma tutto ciò ci fa comprendere che non viviamo più in stati liberi, ma in stati sotto il controllo diretto di organizzazioni sovranazionali che cotrollano tutti noi, anche in quello che scriviamo. Se è dal I-II secolo che in cina usano la mandorla dell’abicocca per curare certe patologie, è ben comprensibil che ci deve essere copiosa documentazione, non solo antica ma anche recente che attesta l’efficacia di suddetto frutto, e del suo derivatato il laetrile. Le mandorle dolci o amare che siano, poco cambia, sono state cnsumate da secoli e secoli, qualcuno ci sarà anche rimasto, per un consumo eccessivo, ma se si produce anche il noto amaretto di saranno, significa cheil solo seme non può non solo non essere mortale, ma anche benefico, altre piante per esempio, sono state messe al bando, tra quelle curative e ridotte al solo uso farmacologico, in questi mesi la UE vorrebbe obbligare gli agricoltori a non produrre più alcun ortaggio, ovvio, perchè anche la semplice lattuga tanto usata dagli antichi romani ha ua linfa che combatte il cancro, per cui anche le semplici orticole possono risultare pericolose per le multinazionali. Arriveremo che ci obbligheranno a mangiare pastiglie, perchè ogni verduta ogni pianta sarà vietata… questa è la follia di mondo che sta andando diritto verso la sua distruzione. Perchè in realtà non si cerca il bene del paziente, ma si mantiene il paziente in vita, fintanto che così fa comodo. Un malato terminale deve avere il diritto di curarsi come meglio crede, sepcie se esso non trovado un beneficio nelle chemio o radio, si deve rivolgere a qualsiasi altra cura disponibile, perchè la speranza non può morire con le cure ufficiali, oltretutto il prof. veonsesi ha stabilito recentemente che la chemioterapia, oltretutto derivate da un noto studio americano, che praticamente dice, che la chemioterapia non solo non agisce per la cura del cancro ma stimola la formazione di cellule malate, e trasforma i tumori benigni in maligni. Non credete alla statistiche nella società di oggi tutto viene manipolato per accreditarsi una parvenza di verità. Infatti tutto quello che è falso vien fatto passare per vero, e ciò che è vero dievene falso! Infatti ciò che fa naturalmente bene diverrà veleno e ciò che è veleno diverrà salubre. infatti per ridurre l’inteligenza dei vostri figli gli si somministra farmaci a base di fluoro, imparate a leggere nei bugiardini i componenti chimici dei farmaci, e non prendete nulla a base di fluoro. Non è affatto vero che il fluoro rimineralizza il dente, il fluoro fa l’effetto opposto, quello di decalcificare il dente, e si ammassa nelle pineale, e nel cervello riducendone grandemente l’intelligenza. Ben presto inizieranno ad essere messi al bando anche gli integratori, e si addurrà che sono fonte pericolosa, se ne ridurra sempre piu le quantità legali. In modo da non poter più svolgere il ruolo chimico che posseggono nell’organismo. Un oncogolo una volta mi disse, che la radioterapia è diversa dalla radiazioni ionizzanti di una bomba atomica, gli risposi che si sbagliava, che sono la stessa identica cosa, e hai panzienti si fa altro che bombardarli con le stesse radiazioni, e gli dissi, come mai le radiazioni ionizanti di una bomaba atomica creano tumori e fate passare la cobalto radioterapia come sana, quando per fino i RX sono molto pericolosi anche a piccole dosi? POi si inventano la menzogna che le radiazioni non danneggiano il DNA, ma che colpiscono solo le cellule tumorali malate. Ma quando mai una particella radiottiva ha l’intelligenza di schivare le cellule sane e colpire solo quelle malate? tutte le cellule vengono radioattivizzate e tutte le cellule subiscono mutazione del DNA e distruzione delle difese immunitarie, così agisce le chemio e così agisce la radio….

  61. Giovanni
    Giovanni says:

    Penso che il mangiare i semi delle albicocche sia una cosa soggettiva dipnde molto da come l’organismo recepisce e riesce e metabolizzare il laetrile, io consiglierei iniziare con una dose bassa di mezza semente al giorno, per non rischiare intossicazioni e procedere fin al massimo sopprtabile ovviamente fatevi seguire dal medico, sopratutto con analisi del sangue per stabilire il contenuto in cianuro. Come nell’assunzione della digitale, o di altre piante, essenze ecc. ci vuole sempre prudenza e possibilmente essere seguiti da un esperto, anche se i medici sono contrari, ma non posso sottrarsi a curare il paziente, per cui, la richiesta di un analisi del sangue almeno una volta la settimana sarebbe meglio. Fate attenzione a non superare certe dosi sia per l’albicocca dolce e/o amara. Ho letto che le quantità dovrebbero non essere superiori a 3-4 sementi al giorno, io a titolo prudenziale ne prendo 3 suddivise ne pasti principali e accompagnate da Vitamina C. Poi ognuno faccia molta attenzione e si documenti bene, prima di iniziare. Ricordarsi che ogni organismo è diverso l’uno dall’altro.

  62. giorgia
    giorgia says:

    Ciao a tutti.
    Ho letto tutti i commenti fatti sulla vitamina B17.
    Ho fatto scopo della mia vita fare informazione su questo anti-tumorale naturale, e ritengo che sia bene – x chi fosse interessato – leggere attentamente quanto trovate scritto sul mio sito. Mi sono limitata a tradurre tutte le info in inglese che ho trovato lungo il mio cammino, visto che non esistevano info in italiano quando ho cominciato. Sono attendibili. Se avete domande, chiedete, scrivetemi.
    Un abbraccio. Giorgia

  63. cinzia
    cinzia says:

    ciao,
    mio padre ha un tumore avanzato al polmone e ha fatto la prima chemio con carboplatino, e gia’ da un mese circa prende le bacche di goji ricche di vitamina C e saltuariamente i semi di chia
    a volte gli do’ una spremuta di limone a stomaco vuoto e vorrei integrare con i semi di albicocca, cominceremo gradualmente con 1 al giorno, tra l’altro penso che interromperemo la chemio visto che e’ debolissimo, sta molto a letto, soffre di colite e reflusso esofageo qualcuno sa se i semi di albicocca sono controindicati?
    una speranza cinzia

  64. cinzia
    cinzia says:

    io in questo periodo mangio una ventina di albicocche con relativa mandorla. Nessun problema, e lo faccio sistematicamente ogni estate.

  65. Giorgia
    Giorgia says:

    Ciao Cinzia.
    Le armellina di albicocca grezze non hanno controindicazioni, ma vanno ingerite a stomaco pieno e insieme ad un pezzo di mela, o pesca, o albicocca, o prugna. Gli enzimi presenti in questi frutti aiutano a digerirle nel modo giusto.
    Se vuoi ukteriori info, vai sul mio sito: http://www.salutenatura.org.
    Ciao.

  66. Daniela
    Daniela says:

    Salve…ho comperato in un negozio di alimenti biologici le mandorle di albicocca della ditta Rapunzel tutta soddisfatta poi una mia amica vegana mi ha detto che quelli non sono amari ma dolci. Quelli amari contengono quantità considerevoli di Vitamina B17…ma anche quelli dolci la contengono magari in quantità più basse…è così?

  67. giorgia
    giorgia says:

    Ciao Daniela.
    Occorre acquistare le armelline di albicocca grezze, e devono essere amare. Altrimenti il contenuto di B17 non è sufficiente per la prevenzione-cura del cancro… e per molte altre cose x cui è estremamente utile.
    Ciao. Giorgia

  68. fabio
    fabio says:

    salve ho acquistato in erboristeria i semi di albicocca della repunsel mio padre è malato di cancro,quanti semi può assumere senza avere effetti collaterali?inutile chiedere ai medici alcuni non sanno nemmeno che esistino ho già provato

  69. Alfredo & Elena
    Alfredo & Elena says:

    Noi li mangiamo liberamente, come le mandorle, per il vostro caso purtroppo solo un medico può consigliare la cura. Normalmente i semi di albicocca, se naturali presi dal frutto non dovrebbero dare problemi di effetti collaterali, salvo che si abbia intolleranza al seme.

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] che parlano di risultati ed altro sul Laetrile: http://it.geniuscook.com/semi-di-albicocca-contro-i-tumori/ (riguardo al prof. Ettore Guidetti dell “Università degli Studi di medicina di Torino” […]

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *