Torta “Esterhazy” alle mandorle per San Valentino

Esterhazy” è una torta, ungherese, alle mandorle e cioccolato, elegante, raffinata e squisita. Questa torta fu preparata, per la prima volta, da uno chef ungherese in onore del Principe Esterhazy nel giorno della sua nascita. Per questo abbiamo pensato di prepararla e pubblicarla nell’approssimarsi della prossima festa degli innamoratiSan Valentino” 14 febbraio 2010, infatti questa è una torta che va preparata con amore e dedizione, per la persona amata.

Al centro della torta abbiamo messo un cuore di cioccolato che si può ricavare riscaldando una forma a cuore per biscotti e incidendo con essa il cioccolato.

Ingredienti per la torta

  • Albume di uova: 6
  • Mandorle: 200 gr.
  • Zucchero: 200 gr.

Ingredienti per la crema

  • Tuorli di uova: 6
  • Burro: 250 gr.
  • Latte: 200 gr.
  • Zucchero: 100 gr.
  • Vaniglia: 1 bustina
  • Cognac o brandy: 3 cucchiai da tavola

Ingredienti per la decorazione

  • Cioccolato bianco: 200 gr.
  • Cioccolato fondente, amaro 70%: 50 gr.
  • Mandorle: sfogliette q. b.

Ingredienti per la torta "Esterhazy" alle mandorle

preparazione della torta “Esterhazy” alle mandorle

  1. Macinare le mandorle e ridurle in polvere;
  2. montare gli albumi, a neve, con un pizzico di sale;
  3. aggiungere gradualmente lo zucchero continuando a battere, fino ad amalgamare bene;
  4. ora, aggiungere le mandorle tritate continuando a mescolare delicatamente con un cucchiaio fino a che risulta una crema uniforme;

Crema di albume d'uova e mandorle tritate

  1. Ungere, con burro, una forma per torte e cospargere uniformemente un po’ di farina, stendere un sottile strato della crema ottenuta con gli albumi e le mandorle tritate, spalmandola bene con il cucchiaio liscio;

Crema nella forma per torte per cottura dischi

  1. Riscaldare il forno a 160-180 gradi e infornare questo, primo, sottile strato e cuocere alla stessa temperatura circa 15-20 minuti, fino a che l’impasto acquista un colore bruno chiaro;
  2. ripetere la stessa operazione fino a ottenere 4-5 dischi (il numero dipende dal diametro della forma e dalla consistenza della crema ottenuta), simili, di pasta alle mandorle;
  3. preparare la crema: battere i tuorli d’uovo con lo zucchero, la vaniglia e tre cucchiai di latte;
  4. versare l’altro latte in un pentolino con fondo termico e quando il latte inizia a essere ben caldo versare crema uova, zucchero, vaniglia e latte, mescolando continuamente portare a ebollizione e spegnere il fuoco, far raffreddare un pò e poi mettere in frigorifero per raffreddare ulteriormente;
  5. quindi, prelevare dal frigorifero e aggiungere il burro morbido e lavorare la crema con il mixer quando tutto è ben amalgamato aggiungere i 3 cucchiai di cognac o brandy;
  6. ora preparare la torta: sistemare nel vassoio un disco di pasta alle mandorle e spalmare uno strato di crema, quindi procedere per sovrapporre allo stesso modo tutti i dischi, la crema non andrà sovrapposta all’ultimo disco, in alto;
  7. fondere, completamente, il cioccolato bianco a bagnomaria e versarlo sulla superficie della torta;
    poi, sempre a bagnomaria fondere il cioccolato fondente e utilizzando una siringa da pasticciere disegnare una spirale che parta dal centro verso la circonferenza esterna (vedere foto);
  8. ora, con la punta di un coltello disegnare i raggi che si vedono nella foto, partendo dal centro verso il margine, ottenendo in tal modo il caratteristico modello reticolare della torta Esterhazy;
  9. ora, disporre le sfogliette di mandorle, che possono essere acquistate già pronte o prepararle in casa mettendo le mandorle a bagno per 20 minuti in acqua calda poi pelate e affettate finemente, coprendo tutta la superficie verticale esterna della torta;
  10. disporre il cuore di cioccolato, fondente, al centro della torta, come descritto nel testo introduttivo;

Torta "Esterhazy" alle mandorle e cioccolato

  1. ultimata la preparazione conservare in frigorifero per 8-10 ore.

Porzione di torta "Esterhazy" alle mandorle e cioccolato

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *