Il vino allunga la vita!

Il vino rosso di uva è il leader assoluto dei prodotti più utili per la salute del nostro organismo. Effettivamente attraverso una gamma, unica, di sostanze antiossidanti in esso contenute, il vino rosso di uva ha la proprietà terapeutica di rallentare il processo di invecchiamento delle nostre cellule.

Con il trascorrere degli anni vengono portate a termine nuove ricerche e immancabilmente queste evidenziano ulteriori nuove proprietà utili, alla salute, del vino.

Durante una ricerca condotta da parte di un gruppo di scienziati americani e francesi sono stati valutati i risultati ottenuti sugli indicatori del metabolismo di un folto numero di volontari, sottoposti a test.
Si è così potuto accertare che il vino bevuto durante i pasti riduce notevolmente l’effetto negativo del cibo grasso e/o pesante, neutralizzando parte dei grassi e lipidi.

Il “Resveratrolo” sostanza antiossidante contenuta nell’uva e nel vino, previene la formazione di coaguli di sangue (azione anticoagulante), impedisce al colesterolo cattivo (LDL) di aderire alle pareti vascolari e, quindi, permette di conservare la loro elasticità, migliorando il funzionamento del sistema cardiovascolare e di conseguenza aumentando le nostre possibilità di vivere più a lungo.

Inoltre il consumo, in quantità moderata, di vino rosso stimola la rigenerazione del sangue nel midollo osseo, protegge contro l’anemia e da tutte le patologie ad essa associate.
E ancora, il vino migliora l’assimilazione del ferro dal cibo.

E’ credenza comune che i vini secchi abbiano maggiori proprietà terapeutiche; ma le ultime prove cromatografiche hanno evidenziato che i vini dolci contengono maggiori composti polifenolici, sostanze anticancerogene e sostanze antiossidanti di quante contenute nei vini secchi.

Nota a margine: La quantità massima, giornaliera, di vino naturale, di uva, che si può bere ottenendo benefici per la salute, è di 150-250 ml.
Calice di vino rosso, naturale

Calice di vino rosso, naturale

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *