Rulet (involtini) farciti

Rulet farcitiI rulet di vitellone farciti sono la versione “russa” dei caratteristici involtini italiani, preparati non con le sottili fette di manzo che noi adoperiamo ma con delle squisite e succose fette di vitellone, tipo lombata. Se preparate questo tipo di alimento in occasione di un pranzo con vostri parenti o amici, farete loro una gradita sorpresa in quanto ogni ingrediente aggiunto a questi involtini contribuisce a dare un suo gusto originale. Altra particolarità è data dalla possibilità di consumare questo piatto caldo, normalmente servito con sugo come tradizione, oppure freddo affettando i vari involtini e servendoli in un vassoio con insalate o contorni, o salse varie.

Ingredienti

fette di lombata di vitellone alte 1 cm., 1kg.
formaggio emmenthal 100 gr.
funghi champignon 200 gr.
filetti di carote marinate 100 gr.
pane grattuggiato quanto basta
uova 2
farina quanto basta
spicchi d’aglio 3
spezie per arrosti di carne quanto basta
olio d’oliva extravergine 50 cl.
sale quanto basta
pepe nero se gradito

Preparazione

  • Schiacciare con il pestacarne le fette di lombata per renderle elastiche;
  • cospargere sui due lati delle fette le spezie, il pepe e il sale;
  • mettere l’olio in una padella e soffriggere gli spicchi d’aglio per imbiondirli;
  • aggiungere nella padella i funghi tagliati a pezzetti e cuocere 10 minuti;
  • tagliare il formaggio a strisce e preparare le uova sbattute;
  • in una fetta di carne porre 1 o 2 filetti di formaggio, alcuni filetti di carota e qualche pezzetto di funghi;
  • arrotolare la fetta, infarinarla, bagnarla nell’uovo e rotolarla nel pangrattato;
  • procedere allo stesso modo e preparare tutte le fette;
  • aggiungere l’altro olio nella padella e mettere in cottura i rulet o involtini;
  • rigirarli nelle varie posizioni per cuocerli uniformemente;
  • a cottura ultimata porre nel vassoio, guarnire con ortaggi marinati e servire in tavola.

Rulet farciti

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *